Articoli

Con Callipo per la Calabria…

di Terri Boemi

Per il CENSIS, la parola chiave del 2019 è stata “ INCERTEZZA “. Come dire perdita di orientamento e di valori, paura del futuro, mancanza di prospettive.
In Calabria, certo, non ce ne stupiamo. Per noi, questa condizione è ormai endemica. E’ come se vivessimo in un eterno 2019.
Le certezze, in questa nostra terra, se mai ce ne sono state, sono svanite da tempo e annaspiamo alla ricerca di un senso: la politica, il lavoro, lo studio, le relazioni, gli stili di vita sono diventati valori  effimeri, evanescenti. Tutto ciò che fino a un recente passato rappresentava lo svolgimento di una normale esistenza, ha perso di senso e di consistenza. Ha smarrito quella confortevole sensazione di sicuro ancoraggio alla vita. E’ come se la bussola dei nostri nonni, dei nostri padri, si fosse spezzata e diventata incapace di indicare il nord della speranza.
Come uscirne? La Calabria ha, ora, qui e subito, un’occasione che non deve sprecare. Le imminenti elezioni regionali ci offrono una alternativa fra la conservazione di un modello di politica che ha prodotto, negli anni, devastazioni forse irreparabili al tessuto sociale ed economico della nostra regione e la possibilità di un deciso cambiamento che, con la candidatura a presidente della Regione dell’imprenditore Pippo Callipo, appare possibile, se non altro come decisa virata rispetto a un passato da dimenticare e che, certo, i calabresi onesti, non vorranno vedersi riproposto.
La proposta di Callipo non è un invito ad affidarsi alla politica tout court, certo non a quella che ha ridotto la regione a occupare gli ultimi posti delle graduatorie di ogni aspetto dell’esistenza. Il suo è un appello alle competenze amministrative, alle intelligenze, alle energie migliori della Calabria sempre neglette e costrette a fuggire questa terra. Le chiama all’impegno, a profondere qui le loro capacità per sottrarre agli intrallazzatori il destino della regione.
E’ a loro, ai migliori che bisogna affidarsi. Senza aspettarsi miracoli naturalmente, ma, almeno la direzione da seguire perché siano possibili in un tempo ragionevole. La Calabria non può più aspettare.
La proposta di Callipo è una via possibile che ci tragga da questo immobile pantano, che apra il cuore alla speranza, che riporti in primo piano, e come valori irrinunciabili, l’etica, l’onestà, la rettitudine, la correttezza, la competenza, l’esempio, affinchéridiventino segnacoli di un percorso di certezze. Il solido terreno su cui cominciare a imprimere le orme della speranza.
E’ per tutto ciò, e nella certezza di affidarci a un uomo retto, capace e dalla vita esemplare, al di là dello schieramento che lo sostiene, che i calabresi innamorati della loro terra devono affidare le loro legittime aspettative al programma di Pippo Callipo.

Per Pippo Callipo, dunque, fino alla vittoria della Calabria pulita.

Dai un voto a questo articolo
[Totale: 8 Media: 4.5]
Condividi su: