Articoli

Pubblicità, l’ Anima del Commercio

Si avvicina la data delle elezioni in Calabria e, con l’umidità di lacrime di gioia o di delusione per candidature confermate o respinte, spuntano come i funghi i messaggi propagandistici.

Alcune forze politiche,quelle che del Sistema ne hanno fatto abito ed epidermide, si affidano al collaudato, quanto ormai stucchevole, slogan del ” Io sono io e voi non siete un c…” da marchese del Grillo che con le stelle non ha nulla a che vedere, semmai con le stalle per la qualità degli oratori e del pensiero divulgato.

Altre forze politiche, piuttosto che stare nel chiuso dell’olimpo degli adepti, preferiscono misurarsi con la gente, per la gente e tra la gente.

Alcune forze politiche, e qui, senza ombra di smentita possiamo fare nome e cognome” Centro Destra” preferiscono il comodo rifugio di sale gremite di simpatizzanti a prescindere, piuttosto che il confronto franco e libero per le strade, dentro i problemi, a viso aperto, forti di una Storia che nessuna illazione potrà mai sporcare.

L’esordio, ieri a Reggio Calabria della corazzata destro/leghista, con la Lega che ha usato il tocco di folklore di non presentare i suoi candidati( perché????non voleva mischiare acqua nelle ampolle dei compagni di viaggio????) ha rivelato un trito e ritrito modo di fare politica.
E non occorrono parole. Bastano le immagini della legittimazione e dell’incoronamento di Jole Santelli a Governatore della Calabria.

Serve a qualcuno dei cittadini reggini e calabresi l’elencazione delle mancanze, l’ indicazione delle zone d’ ombra , le perplessità sui predicatori dal pulpito?

Quando abbiamo deciso di scendere in campo e di trascinare in questa avventura Pippo Callipo, ci siamo prefissati uno stile: non fare dietrologia, non pronunciare le parole ” non hanno detto, non hanno fatto, non hanno voluto”
Ci siamo posti l’obiettivo di ” Fare” senza se e senza ma. Obiettivo che non è stato scalfito dall’uscita del Movimento dalla competizione elettorale. Noi restiamo in campagna elettorale a fianco di Callipo Presidente perché è nostra Responsabilità e Vanto l’ averlo indicato, l’ averlo cercato, l’averlo voluto e , infine , plebiscitariamente e democraticamente, designato.
Nessuno lo ha calato dall’ alto. Nessun deus ex machina.

Ai cittadini cui non manca il senso critico, il compito di fare le debite considerazioni.

Irridere l’avversario è sempre sintomo di DEBOLEZZA e se si avverte l’ esigenza di farlo, come ha fatto l’ on.le Cannizzaro è perché si sa, che quell’ avversario, pur apparentemente fuori dai giochi , è molto pericoloso perché credibile e radicato sul territorio.

Un avversario che mai ha fatto elucubrazioni e macchinazioni di potere, lo sanno gli alleati e coloro che lealmente ad esso si contrappongono.

Che ha solo avuto a cuore le sorti di una regione al punto tale che ha voluto lottare perché essa avesse il meglio in termini di uomini e competenze.

Ieri il timore di perdere consenso ha fatto fare al centro destra un passo falso: la pubblicità comparativa.

Come se la gente non sapesse che la verginità non si può recuperare con le offese e con il millantato credito.

“La pubblicità comparativa è un metodo pubblicitario con il quale un’azienda promuove i propri prodotti confrontandoli con quelli concorrenti.

La pubblicità che compara i prezzi dei prodotti è lecita soltanto se non è ingannevole, cioè se non induce i consumatori in errore.” ( cit. wikipedia)

Nell’interesse dei consumatori sono vietate prassi che possano comportare una distorsione della concorrenza, svantaggiare i concorrenti ed avere un’incidenza negativa sulla scelta dei consumatori.( Codice regolamentazione pubblicita’)

Fatta questa digressione, non vi e’ chi non veda l’ inganno di questa Pubblicita’ messa in atto dal Centro Destra.

Solo chi ha una memoria corta dimentica le storture di governo quando erano loro ad amministrare. I vari ” Modelli” da quello “Reggio” a quello ” Calabria”‘

Dimenticano che l’Istat ha dato un quadro impietoso per coloro che emigrano con un tasso elevatissimo in Calabria, dimenticano che circa il 60 per cento della popolazione calabrese non si approccia piu’ alle cure ed altrettanti non fanno piu’ prevenzione.

Dimenticano che rappresentano un vecchio sistema che vuole perpetuare se stesso

Dov’ e’, quindi, l’ interesse salvaguardato del Consumatore calabrese?

La comparazione effettuata dalla Ditta Salvini, Cannizzaro, Santelli e Company S. P. A. e’ meramente denigratoria e, come tale, illegittima.

Non viene proposto un prodotto dalla qualita’ eccellente rispetto a quello comparato.

Anzi gli ” ingredienti” del prodotto proposto sono scarsi e dagli esiti fatali come ampiamente testato in anni di malgoverno.

Il Consumatore , Cittadino calabrese ha un prodotto di Qualita’ e Garanzia Elevata, nuovo, non sperimentato.

“Pippo Callipo e la sua capacità imprenditoriale unita alla sua incontrovertibile limpidezza etica”

Occorre Gente Valida, non venditori di Fumo, che sappiano applicare i Precetti contenuti nella Costituzione, ripartendo dalla gente.

Rifuggiamo dalla Pubblicita’ negativa.

Fino a giorno 26gennaio Dal Produttore ( Costituzione) al Consumatore ( Cittadino calabrese) senza l’ Intermediario Costoso!!!!

Dai un voto a questo articolo
[Totale: 3 Media: 5]
Condividi su: